Registro Storico Renault 4

Registro Storico Renault 4

Il Registro Storico Renault 4 sta cercando di dare maggiore visibilità alla propria attività. Leggi l’articolo!




Il Registro Storico Renault 4

Parte del comunicato stampa a cura di Cristiano Paccagnani, presidente Registro Storico Renault 4:

“Ci siamo anche noi: Registro Storico Renault 4! Alla vigilia del decimo anniversario dalla sua fondazione, dopo aver consolidato la propria “base” riunendo un affiatato gruppo di “errequattristi” diffusi su tutto il territorio nazionale, il Registro Storico Renault 4 ha deciso di cercare maggiore visibilità tra gli estimatori delle vetture d’epoca ed, in genere, tra gli appassionati del settore automobilistico, per poter offrire a chi ancora non lo conosce l’opportunità di avvicinarsi al mondo di questa utilitaria che, senza clamore, quasi in sordina, ha avuto un importante ruolo nella motorizzazione mondiale.

Registro Renault 4
Registro Renault 4

Gli 8.200.000 esemplari prodotti con le stesse inconfondibili caratteristiche e la sua diffusione in almeno tre continenti, danno una concreta idea della rilevanza del ruolo che ha avuto la Renault 4 nella trasformazione dei piccoli trasporti. Ancor più significativo in tal senso è il fatto che chiunque abbia un età anche di poco sopra i vent’anni, ha dei ricordi personali legati a questa vetturetta: chi
ha guidato quella dello zio, chi ci ha fatto la patente, chi ci è andato in ferie in Spagna o in Grecia… È stata la prima auto di tanti ragazzi, la macchina degli artigiani, la macchina di famiglia… Fin dagli esordi della propria attività, il Registro si è assunto il compito di fornire a coloro che amano questa utilitaria francese un punto di riferimento dove trovare informazioni e consigli per l’acquisto, il restauro e la gestione delle proprie vetture. In primo luogo tramite il portale Renault4.it e poi creando periodicamente occasioni di incontro personale in tutta Italia.



Il portale web, creato e curato da un losco figuro che si nasconde dietro lo pseudonimo di Khitarro (autore anche della maggior parte della “grafica” del club e di molte delle fotografie che seguono), è uno dei principali cardini sui quali poggia l’attività del gruppo.
Praticamente è la sede sociale. Il fatto che i soci siano sparpagliati su tutto il territorio nazionale, infatti, rende praticamente impossibile il ritrovarsi frequentemente tutti nello stesso posto.

Il sito del Registro è strutturato in diverse sezioni che spaziano dall’illustrazione dell’attività già svolta, alle notizie tecniche, al mercatino per lo scambio di vetture, ricambi ed oggettistica inerente la mitica R4, all’utilissimo forum nel quale, a sua volta, si può trovare un po’ di tutto. “

Alfa Romeo 6C: sogno o realtà?

La notizia sta facendo il giro tra tutti gli appassionati di auto e tra gli alfisti più affezionati…  l’Alfa Romeo 6C sogno o può diventare realtà?

Alfa Romeo 6C Sogno o realtà?

Secondo Pogea Racing, infatti, Alfa Romeo starebbe pianificando il rilancio e il conseguente restyling dell’ Alfa Romeo 6C per il 2020.



Come si presenta?

Rapido ripasso di storia: 6C era un nome usato su varie Alfa Romeo prodotte tra il 1927 e il 1954, si trattava di macchine azionate da un motore sei cilindri.

Il rendering non ufficiale riportato qui sotto suggerisce che la prossima 6C potrebbe essere un’auto sportiva di dimensioni maggiori rispetto alla 4C esistente. Le fiancate muscolose e il vetro laterale a forma di lacrima saranno condivisi con il concept della Maserati Alfieri, ma la 6C si distinguerà per il suo frontale estremamente nitido. La combinazione tra la tradizionale griglia a forma di scudo e il tocco moderno dei fari a LED sottili ridisegneranno in maniera più aggressiva il nuovo volto della famiglia Alfa. Nella parte posteriore, scarichi e sospensioni disposti sui bordi esterni sottolineano la larghezza della 6C.

Si dice che sia pensata per essere la rivale della, rullo di tamburi, Jaguar F-Type.
Nuova Alfa Romeo
Nuova Alfa Romeo

Alfa Romeo 6C da ieri ad oggi…

Il revival non sarebbe comunque una novità in casa FCA. Negli ultimi anni stiamo assistendo al rilancio di alcuni dei vecchi mostri sacri a 4 ruote italiani, pensiamo alla Giulia, allo Stelvio, alla 500 e ancora alla Tipo… Potrebbero essere maturi i tempi anche per la 6C? Se ci basiamo sulle voci ufficiali la casa automobilistica è impegnata nella messa in opera del nuovo Suv che andrà a competere con  BMW X5, Audi Q7, Mercedes GLE e la seconda di BMW X1, Audi Q2 e Q3 e Mercedes GLA.




Per quanto riguarda i motori, l’adozione del diesel potrebbe essere dedicata al 2.2, con potenza di 210 cavalli o anche superiore e forse del V6 3.0 adottato da Maserati e Jeep Grand Cherokee. Per i motori benzina, il 2.0 turbo da 280 cavalli. E la versione dotata del 2.9 V6 di origine Ferrari, stesso delle versioni Quadrifoglio di Giulia e Stelvio e, secondo la fonte di Pogea Racing proprio quest’ultimo è l’indicato numero che andrà a fare da cuore sotto la scocca del 6C.

Anche se il pezzo forte sarà la prima Alfa Romeo ibrida.

Eh Già! Perché notizia di qualche giorno fa è che anche Fca toglierà i motori diesel dalla piazza nei prossimi anni a favore di veicoli Hybrid.

Stemma Alfa Romeo
Stemma Alfa Romeo

Conclusioni

E’ un dato di fatto che il mercato automobilistico Italiano è in forte ripresa e che molti progetti stanno prendendo forma. Stando alle dichiarazioni di Sergio Marchionne a Detroit, <<“La sorella maggiore di Stelvio e la sorella maggiore di Levante avranno la priorità su tutto” >> il che ci porta a dire che l’Alfa 6C per ora è un sogno che aspetta solo il tempo giusto per diventare realtà, riportando il marchio con il Biscione al posto che gli compete… Tra le grandi.



Triumph Roadster 3A (TR3A)

La Triumph Roadster 3detta anche TR3 è un’automobile prodotta dalla Triumph dal 1955 al 1962. Nella foto potete vedere la sua versione aggiornata, conosciuta anche con l’acronimo TR3A, quest’ultima entrò in produzione nel 1957 mentre la versione successiva, chiamata informalmente TR3B, è stata assemblata per la prima volta nel 1962.



La TR3A, come le sue sorelle, faceva parte della categoria delle roadster inglesi con motore anteriore e trazione posteriore.